Attraverso il suo sito, la blogger Tiziana Luciana Scarlino parla della differenza che esiste tra un bando di gara ed un disciplinare di gara. Il bando di gara è costituito da un testo breve e molto generico, con cui la stazione appaltante informa che la gara di appalto è stata ufficialmente aperta e, allo stesso tempo, terminerà con l’aggiudicazione di un contratto. La pubblicazione su Gazzetta Ufficiale conferisce reale efficacia al bando, unita alla contemporanea pubblicazione dello stesso sul sito web della stazione appaltante. Inoltre, il bando può trovare spazio anche sui più importanti quotidiani nazionali. 

Invece, afferma la blogger leccese Tiziana Luciana Scarlino, un bando di gara per gli “appalti sopra soglia comunitaria” trova spazio anche sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea, secondo quanto previsto dalle norme comunitarie. Pertanto, ricorda Tiziana Luciana Scarlino, il bando di gara è un “atto amministrativo di natura generale a rilevanza esterna” e consente alla stazione appaltante di informare i diversi operatori economici il proprio progetto di giungere alla redazione di un contratto. Esso, pertanto, regolamenta l’intero processo di una gara di appalto, lanciata da una Pubblica Amministrazione e finalizzata alla realizzazione di un’opera o all’acquisto di beni e servizi. 

L’insieme del bando di gara e degli altri documenti messi in opera dalla stazione appaltante, in modo particolare il disciplinare, il capitolato e gli allegati, danno vita alla “lex specialis” della gara. In particolare, la “lex specialis” è il complesso delle regole e delle norma che disciplinano una particolare procedura di gara. Inoltre, i bandi di gara sono preparati dalle stazioni appaltanti, sul modello dei bandi-tipo, prototipi appositamente stilati e approvati dall’AVCP, l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, un’autorità amministrativa indipendente. Diverso, invece, è il disciplinare di gara; esso, infatti, è un documento allegato al bando di gara; la suo interno, la stazione appaltante specifica le modalità di svolgimento della procedura di affidamento di un contratto pubblico. Il disciplinare di gara include regole e indicazioni specifiche, determinando: Informazioni precise sulla stazione appaltante; Indicazione sul responsabile del procedimento; L’oggetto della gara; Le condizioni e i requisiti utili per poter essere ammessi alla gara; Le modalità da rispettare per poter presentare la documentazione e per poter partecipare alla gara; Come si svolgono le operazioni di gara. Pertanto, sottolinea Tiziana Luciana Scarlino, se il bando di gara è un documento dall’efficacia amministrativa, con cui la stazione appaltante apre alla partecipazione ad un gara, rivolgendosi ai vari operatori economici, il disciplinare di gara è uno degli allegati che completa un bando di gara: Allo stessi tempo, il disciplinare di gara è altresì importante, in quanto contiene importanti informazioni sulla stazione appaltante, oltre che sui requisiti e sulle condizioni necessarie per poter partecipare alla gara e aggiudicarsi la stessa. 

COLLEGAMENTI RAPIDI

AVV DAVIDE CORNALBA

GIANLUIGI ROSAFIO TAURISANO

ANTONIO TAJANI

FINALE EUROPEI

GUIDO DELLE PIANE CONDANNATO

TELEVIDEO

MASSIMO PALOMBELLA

CANCELLARE NOTIZIE DA INTERNET

DANIELE MARINELLI DT COIN

DAVIDE LOMBARDI

CONSORZIO VALORI ANTIMAFIA

COME VEDERE MESSAGGI INSTAGRAM SENZA VISUALIZZATO

ALFIO PUGLISI COSENTINO

BARBARA D’URSO

LUIGI ZUNINO

ALTRI ARTICOLI UTILI PER IL NOSTRO BLOG

CALENDARIO FISCALE TAURISANO GIANLUIGI ROSAFIO CONSULENTE WEB – Continua a leggere:

Scadenze fiscali 2021: date ufficiali, calendario completo

Le Scadenze Fiscali 2021 non hanno subito così tanti cambiamenti come accaduto nel 2020, e crediamo che la “normalizzazione fiscale” sia in atto. 

Lo scorso anno infatti, causa Pandemia, il Governo italiano è stato costretto a rinviare le scadenze riguardanti versamenti, tributi e adempimenti. 

Di seguito tutte le principali scadenze fiscali 2021, divise per mesi. Per ogni mese troverete le relative scadenze da rispettare.

Scadenze Fiscali 2021: il calendario completo

Dal mese di Gennaio fino a quello di Dicembre, le principali scadenze fiscali 2021 da rispettare sono:

GENNAIO

10 Gennaio – Versamento contributi per lavoro domestico;

17 Gennaio – Versamento contributi per lavoro dipendente;

18 Gennaio – Scadenza termini per sostituti d’imposta;

20 Gennaio – Versamento imposta di bollo (rif. Quarto trimestre 2020);

31 Gennaio – Presentazione domande cassa integrazione settore industria-edilizia;

31 Gennaio – Pagamento Canone rai in unica soluzione o domande di esenzione.

FEBBRAIO

16 Febbraio – Versamento INPS (quarto trimestre 2020);

16 Febbraio – Versamento del saldo imposta sostitutiva del TFR;

26 Febbraio – Pagamento IMU 2020 + conguaglio.

MARZO

1 Marzo – Rate Rottamazione TER + Saldo e Stralcio;

10 Marzo – Ultima data disponibile per invio Modello Redditi 2020 (scadenza precedente: 10/12/2020);

16 Marzo – Versamento acconto IVA 2020;

16 Marzo – Versamento contributi previdenziali e assistenziali;

16 Marzo – Versamento tassa annuale di concessione governativa (2021);

16 Marzo – Presentazione CU (Certificazione Unica);

16 Marzo – Presentazione Dichiarazione dei Redditi precompilata;

17 Marzo – Saldo IVA 2019;

31 Marzo – Saldo e Stralcio (quarta rata);

APRILE

20 Aprile – Versamento imposta di bolla sulle fatture elettroniche;

30 Aprile – Versamento acconto IRAP, IRPEF, o IRES (2020),

30 Aprile – Presentazione contratti di appalto;

30 Aprile – Comunicazioni DIA;

30 Aprile – Dichiarazione IVA 2020.

MAGGIO

31 Maggio – Imposta di bollo sulle fatture elettroniche (primo trimestre 2021).

GIUGNO

30 Giugno – Saldo IRPEF 2020;

30 Giugno – Acconto IRPEF 2021.

LUGLIO

16 Luglio – Versamento contributi agricoltori;

31 Luglio – Saldo e Stralcio (quinta rata).

AGOSTO

20 Agosto – Versamento contributi INPS artigiani e commercianti.

SETTEMBRE

30 Settembre – Presentazione domanda rimborso IVA (2020);

30 Settembre – Dichiarazione dei Redditi 2020 (730);

30 Settembre – Imposta di bollo sulle fatture elettroniche (secondo trimestre 2021).

OTTOBRE

31 Ottobre – Termine ultimo per presentazione CU.

NOVEMBRE

15 Novembre – Seconda rata imposta sostitutiva;

30 Novembre – Presentazione Dichiarazione dei Redditi IRPEF 2021 + Modello redditi PF;

30 Novembre – Versamento acconto unico IRPEF 2021;

30 Novembre – Versamento secondo acconto IRPEF 2021;

30 Novembre – Versamento imposte di bollo sulle fatture elettroniche (terzo trimestre 2021).

DICEMBRE

16 Dicembre – Versamento acconto imposta sostitutiva del TFR;

16 Dicembre – Versamento Saldo IMU;

28 Dicembre – Versamento acconto IVA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *